Festival di Letteratura working class 2024 @ex-GKN Campi Bisenzio (FI)

Festival di Letteratura working class 2024 – Geografie e linguaggi. Presidio ex Gkn, via Fratelli Cervi 1, Campi Bisenzio (FI). Organizzato da Edizioni Alegre, dal Collettivo di fabbrica Gkn e dalla Soms Insorgiamo in collaborazione con Arci Firenze. Con il patrocinio del Comune di Campi Bisenzio. Direzione di Alberto Prunetti. Dal sito Edizione Alegre pubblichiamo il programma:

FESTIVAL DI LETTERATURA WORKING CLASS: «Non siamo qui per intrattenervi»

FESTIVAL DI LETTERATURA WORKING CLASS

Avevamo promesso di far diventare il Festival di letteratura working class il nostro personale «pesce d’aprile» per chi vuole gli oppressi muti e i dominanti liberi di assolversi con le proprie narrazioni consolatorie. Per questo dal 5 al 7 aprile, a Campi Bisenzio, torna il Festival organizzato da Edizioni Alegre insieme al Collettivo di fabbrica Gkn e alla Soms Insorgiamo, con la collaborazione dell’Arci Firenze. Un Festival che sta in piedi senza finanziamenti né pubblici né privati ma grazie al sostegno di 400 persone tramite crowdfunding e al contributo militante di relatrici e relatori.  In questa seconda edizione, sempre diretta da Alberto Prunetti, indagheremo i linguaggi e le geografie della letteratura working class con ospiti dalla Svezia, dall’Inghilterra, dalla Norvegia, dalla Francia, dalla Spagna. E non solo. Il nostro Festival ha infastidito QF, l’attuale proprietà di Gkn, che è arrivata al punto di minacciare di denuncia tutti i partecipanti. Per loro evidentemente chi lavora non deve mettersi in testa di raccontare la propria storia. Noi però ribadiamo che sarà a Campi Bisenzio, territorio industriale attraversato da alluvioni e lotte come quella di Gkn e MondoConvenienza, perché il nostro Festival nasce nel vivo di un conflitto sociale e ne è uno strumento di lotta. Del resto non siamo qui per intrattenervi, come scriveva lo studioso di origine working class Mark Fisher. Siamo qui perché vogliamo che chi è nato in case senza libri scriva la propria storia, per tornare dentro l’immaginario collettivo e diventare più forti nel rivendicare i propri diritti. 

FESTIVAL DI LETTERATURA WORKING CLASS: PROGRAMMA

FESTIVAL DI LETTERATURA WORKING CLASS – PREQUEL GIOVEDI 4 APRILE

Teatrodante Carlo Monni di Campi Bisenzio
Ore 20 Presentazione del libro Il capitale di Kepler 452. Un libro che ancora non abbiamo letto 
con Lorenzo Donati (curatore del volume), Enrico Baraldi e Nicola Borghesi (autori dello spettacolo Il Capitale), Federica Petti (vicesindaca di Campi Bisenzio e assessora alla cultura). Coordina Sandra Gesualdi (direzione Teatrodante)
Ore 21: Spettacolo teatrale Il Capitale. Un libro che non abbiamo ancora letto di Kepler 452
Info e prenotazioni: 055.8940864 – biglietteria@teatrodante.it // whatsapp 3463038170

FESTIVAL DI LETTERATURA WORKING CLASS – VENERDI’ 5 APRILE

17.30. Non siamo qui per intrattenervi – Presentazione del programma del Festival
Giulio Calella (Edizioni Alegre)
Alberto Prunetti (Direttore del Festival)
Francesca Di Marco (Soms Insorgiamo) 
Collettivo di fabbrica Gkn
18.30 Geografie working class #1  La trilogia di Copenaghen di Tove Ditlevsen 
Claudia Durastanti (Scrittrice)
Valeria Parrella (Scrittrice) 
Nicklas Freisleben Lund (Studioso di letteratura working class danese, University of Southern Denmark) 
Ore 20.00 Cena
21.00 Linguaggi working class #1 – Le subalterne possono parlare?
Brigitte Vasallo (Autrice di Linguaggio inclusivo ed esclusione di classe
Sara Farris (Sociologa, Goldsmiths University di Londra) 
Eugenia Prado Bassi (Scrittrice cilena, autrice di (D)istruzioni d’uso per una macchina da cucire
Giusi Palomba (Scrittrice e traduttrice)
Ore 22.30 Altre riparazioni
Storia e lotte delle Officine Grandi Riparazioni di Bologna. Spettacolo teatrale con Donatella Allegro e Stefano D’Arcangelo (Con il sostegno di Afeva ER)   

FESTIVAL DI LETTERATURA WORKING CLASS – SABATO 6 APRILE

10.30 Linguaggi working class #2 – Poesia operaia italiana negli anni Settanta
Ferruccio Brugnaro (Poeta e operaio del Petrolchimico di Porto Marghera)
Sandro Sardella (Poeta, operaio e fondatore della rivista Abiti lavoro
Giovanni Garancini (Fondatore della rivista Abiti lavoro)
Coordina: Emily Zendri (Edizioni Alegre)
Ore 12.00 Geografie working class #2 – La letteratura working class svedese
Magnus Nilsson (Studioso di letteratura working class svedese, Malmö University)
Henrik Johansson (Fornaio-scrittore della della Föreningen Arbetarskrivare, Society of the working class writers) 
Coordina: Alberto Prunetti (Direttore del Festival)
13.30 Pranzo
15.00 Geografie working class #3 – La working class in lingua romanza (Francia, Spagna, Italia)
Annalisa Romani (Traduttrice di Françoise Ega, Didier Eribon ed Édouard Louis)  
Layla Martinez (Scrittrice spagnola, autrice de Il Tarlo
Stefano Valenti (Scrittore, autore de La fabbrica del panico
Coordina Alberto Prunetti (Direttore del Festival)
16.30 Geografia working class #4 – La letteratura working class britannica. Presentazione di Come ho ucciso Margaret Thatcher 
Anthony Cartwright (Autore)
Wu Ming 4 (Scrittore)
Claudia Durastanti (Scrittrice)
18.00 Tavola rotonda su editoria, classe operaia e lotta di classe
Massimo Carlotto (Scrittore)
Luca Dall’Agnol (Sindacalista tipografia Grafica veneta) 
Silvia Gola (RedActa, sindacato di chi lavora con i libri) 
Francesca Coin (Sociologa) 
Coordina: Simona Baldanzi (Scrittrice)
19.30 Cena
21.00 Ferro
Reading degli operai e operaie Gkn dai libri La prima cosa fu l’odore del ferro di Maria Luce Possentini e La terra del ferro di Pasquale Pinto.
22.00 Ilva Football Club
Storia della più grande acciaieria d’Europa intrecciata alla leggenda della piccola squadra nata proprio sotto le ciminiere dell’Ilva di Taranto.
Una creazione di Using Baug & Fratelli Maniglio, con Manfredi Messana, Ermanno Pingitore, Andrea Perotti, Stefano Rocco, Claudia Russo. Luci e tecnica di Emanuele Cavalcanti.

FESTIVAL DI LETTERATURA WORKING CLASS – DOMENICA 7 APRILE

10.30 Linguaggi working class #3 – La poesia operaia cinese 
Giusi Tamburello (Studiosa di Lingua e letteratura cinese, Università degli studi di Palermo)
Federico Picerni (Studioso di Letteratura cinese, Università di Bologna)
Coordina: Pietro Cardelli (Arci Firenze)
12.00  Geografie working class #5 – La proletarian literature negli Stati uniti degli anni Trenta
Andrea Olivieri (Traduttore e curatore di Dynamite! di Louis Adamic) 
Alessandro Portelli (Studioso di letteratura angloamericana, Università Sapienza di Roma)
Coordina: Ornella De Zordo (Studiosa di letteratura inglese, Università di Firenze)
13.30 Pranzo
14.30 Linguaggi working class #4 – Graphic novel di classe
Sonia Maria Luce Possentini (Autrice de La prima cosa fu l’odore del ferro)
Emiliano Pagani (Ex operaio metalmeccanico, autore come sceneggiatore di Don Zauker e di Nemici del popolo)
Coordina: Simona Baldanzi (Scrittrice)
16.00 Geografie working class #6 – La fabbrica dei sogni di Campi Bisenzio
Fiamma Negri legge alcuni brani da La fabbrica dei sogni 
Valentina Baronti (Autrice)
Alberto Prunetti (Direttore del Festival)
Francesca Coin  (Sociologa)
Salvatore Cannavò (Edizioni Alegre)
Cristina Trinci (Bibliotecaria, Organizzatrice del Premio Il pane e le rose)
Giulio Calella (Edizioni Alegre)
Collettivo di fabbrica Gkn 


SE VUOI DIVENTARE VOLONTARIA/O DEL FESTIVAL DI LETTERATURA WORKING CLASS – COMPILA QUESTO FORM


COME RAGGIUNGERE IL FESTIVAL DI LETTERATURA WORKING CLASS

NAVETTA Sarà presente tutti i giorni una navetta dalla Stazione Santa Maria Novella (Firenze) al Centro Commerciale I Gigli (Campi Bisenzio), che si trova a 5 minuti a piedi dal presidio della GKN.
– FIRENZE SMN (Terminal Bus, Piazzale Montelungo) > I GIGLI
Partenza: 10.00 | 12.00|16.00 | 18.00 | 20.00
Arrivo: 10.40 12.40 16.40 18.40 20.40
– I GIGLI > FIRENZE SMN (Terminal Bus, Piazzale Montelungo)
Partenza: 11:00 13.00 17.00 19.00 21.00
Arrivo: 11.40 | 13.40 | 17.40|19.40 | 21.40
Biglietto singola corsa (acquistabile direttamente sulla navetta): 4€

TRENO Le stazioni ferroviarie più vicine al Festival sono quelle di PRATO CENTRALE, CALENZANO, FIRENZE S.M. NOVELLA. Da queste è possibile raggiungere il Festival con un bus di Autolinee Toscana. Orari e informazioni sono consultabili al sito: www.at-bus.it

AUTOBUS E TRAM Il Festival è raggiungibile via autobus e tram con le seguenti linee:
– FIRENZE S.M. NOVELLA > FESTIVAL
Prendere la Tramvia Linea T1 (direzione Villa Costanza) dalla fermata Alamanni-Firenze S.M. Novella e scendere alla fermata Porta al Prato-Leopolda. Qui prendere l’Autobus Linea CF (direzione Prato) alla fermata Porta al Prato e scendere alla fermata I Gigli-GKN.
– CALENZANO > FESTIVAL
Dalla Stazione Ferroviaria di Calenzano è possibile raggiungere il festival a piedi in 20 minuti
Altrimenti prendere l’Autobus Linea 303 (direzione Le Piagge) alla fermata Calenzano Fs e scendere alla fermata I GIGLI-GKN.
– PRATO > FESTIVAL
Prendere l’Autobus Linea CF (direzione Firenze) alla fermata Prato Stazione Fs 4 e scendere alla fermata I GIGLI-GKN.

CAR SHARING TiMove – Telefono +39 055 0456009 – Web www.timove.com

TAXI Società Cooperativa Tassisti Firenze 055 4242 / 055 4798 / 055 4390 – Società Tassisti Prato 0574 5656

AUTO
Da Livorno, Pisa, Empoli
Prendere la SCG FI-PI-LI a doppia carreggiata in direzione Firenze, uscire al casello Firenze
Scandicci sulla A1 e seguire le indicazioni verso l’A11 Firenze Mare. Prendere l’A1 in direzione Pisa ed uscire a Prato Est direzione Campi Bisenzio. Poi seguire le indicazioni per Centro Commerciale I Gigli o Cinema UCI
Da Arezzo, Perugia, Siena, Bologna
Dall’Autostrada A1 prendere l’uscita Calenzano direzione Prato e seguire le indicazioni per Centro Commerciale I Gigli o Cinema UCI
Da Lucca
Dall’Autostrada A1, uscire a Prato Est direzione Campi Bisenzio e seguire le indicazioni per Centro Commerciale I Gigli o Cinema UCI

𝐏𝐞𝐫 𝐚𝐮𝐭𝐨𝐫𝐠𝐚𝐧𝐢𝐳𝐳𝐚𝐫𝐬𝐢 𝐭𝐫𝐚 𝐩𝐚𝐫𝐭𝐞𝐜𝐢𝐩𝐚𝐧𝐭𝐢 𝐩𝐞𝐫 𝐩𝐚𝐬𝐬𝐚𝐠𝐠𝐢 𝐞 𝐨𝐬𝐩𝐢𝐭𝐚𝐥𝐢𝐭𝐚̀ 𝐢𝐬𝐜𝐫𝐢𝐯𝐢𝐭𝐢 𝐚 𝐪𝐮𝐞𝐬𝐭𝐨 𝐠𝐫𝐮𝐩𝐩𝐨 𝐓𝐞𝐥𝐞𝐠𝐫𝐚𝐦: https://t.me/+-Z_6u9tBLOw4OGU0

image_pdfSCARICA QUESTO ARTICOLO IN FORMATO PDF