Scopri di più sull'articolo PESSOA SINCE I’VE BEEN ME @Teatro della Pergola: Wilson visionario poeta dell’anima
PESSOA. SINCE I’VE BEEN ME regia, scene e luci Robert Wilson testi Fernando Pessoa con Maria de Medeiros, Aline Belibi, Rodrigo Ferreira, Klaus Martini, Sofia Menci, Gianfranco Poddighe, Janaína Suaudeau drammaturgia Darryl Pinckney costumi Jacques Reynaud co-regia Charles Chemin collaboratrice alla scenografia Annick Lavallée-Benny collaboratore alle luci Marcello Lumaca sound designer Nick Sagar trucco Véronique Pfluger stage manager Thaiz Bozano direttore tecnico Enrico Maso collaboratrice ai costumi Flavia Ruggeri consulente letterario Bernardo Haumont commissionato e prodotto da Teatro della Pergola (Firenze), Théâtre de la Ville (Parigi) coprodotto da Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, Teatro Stabile di Bolzano, São Luiz Teatro Municipal de Lisboa, Festival d’Automne à Paris in collaborazione con Les Théâtres de la Ville de Luxembourg

PESSOA SINCE I’VE BEEN ME @Teatro della Pergola: Wilson visionario poeta dell’anima

Dal 2 – 12 maggio  al Teatro della Pergola di Firenze è andato in scena in Prima Mondiale, l'ultimo capolavoro di ROBERT WILSON, PESSOA Since I’ve been me, per la regia, le scene e le luci di Robert Wilson, su testi di Fernando Pessoa, e drammaturgia di Darryl Pinckney. Lo spettacolo Commissionato e prodotto da Teatro della Pergola di Firenze e Théâtre de la Ville di Parigi nel segno del progetto comune L’Attrice e l’Attore Europei, Coprodotto da Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, Teatro Stabile di Bolzano, São Luiz Teatro Municipal de Lisboa, Festival d’Automne à Paris in collaborazione con Les Théâtres de la Ville de Luxembourg, si fonda sull'interazione in scena di un cast di attori internazionale per resitituire la complessità multiidimensionale dell'artista portoghese. “Come tutti noi – sostiente Wilson – Pessoa era pieno di molti “personaggi”. [...]Nella mia testa c’è proprio un prisma con tutte le diverse personalità, i diversi aspetti di Pessoa». Il risultato è uno spettacolo visionario, dalle potentissime suggestioni, che immerge lo spettatore in un viaggio, non facile, nella personalità prismatica del poeta.

Commenti disabilitati su PESSOA SINCE I’VE BEEN ME @Teatro della Pergola: Wilson visionario poeta dell’anima
Scopri di più sull'articolo IL RIFORMATORE DEL MONDO @Teatro Fabbricone: in attesa della salvifica fine di Bernhard
Renata Palminiello e Leonardo Capuano ne IL RIFORMATORE DEL MONDO (foto di Ilaria Costanzo)

IL RIFORMATORE DEL MONDO @Teatro Fabbricone: in attesa della salvifica fine di Bernhard

In PRIMA NAZIONALE a chiudere la stagione del Teatro Metastasio di Prato abbiamo visto IL RIFORMATORE DEL MONDO di Thomas Bernhard del 1979, regia di Leonardo Capuano, in scena con Renata Palminiello.

Commenti disabilitati su IL RIFORMATORE DEL MONDO @Teatro Fabbricone: in attesa della salvifica fine di Bernhard

DRAMMA INDUSTRIALE @Teatro di Rifredi: il sogno oltre la collina

Al Teatro di Rifredi, Giovanni Ortoleva firma la regia di DRAMMA INDUSTRIALE (Firenze, 1953) di Riccardo Favaro, dopo il debutto estivo al Festival di San Miniato: uno spettacolo con un cast eccezionale per il racconto epico di un fatto storico capace di illuminare il presente.

Commenti disabilitati su DRAMMA INDUSTRIALE @Teatro di Rifredi: il sogno oltre la collina

FEMININUM MASKULINUM @Saloncino Paolo Poli: la fuga degli artisti dalla tirannia

Femininum Maskulinum, il nuovo spettacolo di Giancarlo Sepe in scena nel Saloncino ‘Paolo Poli’, ci immerge nell'atmosfera della Germania durante l'ascesa di Hitler, mostrandoci le vite degli intellettuali ribelli accordati con il clima di emancipazione culturale, sessuale e politica promessa dalla Repubblica di Weimar. Potente coreografia teatrale con dodici attrici e attori.

Commenti disabilitati su FEMININUM MASKULINUM @Saloncino Paolo Poli: la fuga degli artisti dalla tirannia
Scopri di più sull'articolo FOSFENE /N.#0 – TESTACODA @Salone Arbus: l’impalpabile bagliore della solitudine
Sonia Coppoli in Testacoda, testo e regia di Chiara Guarducci

FOSFENE /N.#0 – TESTACODA @Salone Arbus: l’impalpabile bagliore della solitudine

Venerdì 19 aprile al Salone Arbus sono andate in scena due performance ad opera del Collettivo Fosfene /n.#0, un progetto di Chiara Guarducci, Matteo Bellumori e Sonia Coppoli. Un video performance sul tema dello sguardo offerto e chiesto, a cura di Sonia Coppoli apre la serata nel salone espositivo del spazio gestito da Associazione Arbus e Io mi ciamo Viscardo; a seguire l'onirico monologo teatrale Testa Cosa,interpretato da una magnetica Sonia Coppoli, scritto e diretto da Chiara Guarducci, che ci conduce negli abissi di solitudine di un condominio abitato da creature al margine, fantasmi della mente in cerca di sguardi a cui rivelarsi per sentirsi esistere.

Commenti disabilitati su FOSFENE /N.#0 – TESTACODA @Salone Arbus: l’impalpabile bagliore della solitudine

UN AUTUNNO D’AGOSTO @Murate Art District: una storia dimenticata

UN AUTUNNO D'AGOSTO ha debuttato al MAD (Murate Art District) di Firenze. La storia di un eccidio sconosciuto, tratto dall’omonimo libro di Agnese Pini, regia di Luisa Cattaneo, in scena con Gabriele Giaffreda.

Commenti disabilitati su UN AUTUNNO D’AGOSTO @Murate Art District: una storia dimenticata

LA RAGAZZA SUL DIVANO @TEATRO VASCELLO: commedia del Tempo

on Fosse è un autore curioso che incuriosisce persino. Gioco di parole detestabile ma inevitabile. Epicentro del suo Tutto è l'Uomo. È il terremoto delle tensioni sottocutanee. È la matassa senza bandolo. Qualche autore ha versato litri di inchiostro per tentare di spiegare il senso d'ogni cosa, certi misteri. Fosse invece misura le scosse telluriche dell'Uomo in relazione anche al tempo. È un grafico interessante. C'è una immutabilità tra i due nonostante tutto tenti disperatamente di muoversi o accadere.

Commenti disabilitati su LA RAGAZZA SUL DIVANO @TEATRO VASCELLO: commedia del Tempo