IL RESPIRO DEL PUBBLICO @ Cantiere Obraz: nasce una scuola di critica e un festival per scoprire il rapporto tra attore e spettatori

IL RESPIRO DEL PUBBLICO curato da Cantiere Obraz, associazione culturale fiorentina di formazione e produzione teatrale, con il contributo della Fondazione CR Firenze, è una novità in ambito teatrale proponendo un progetto specifico rivolto ai ragazzi con lo scopo di portarli a vedere teatro in maniera attiva.

In questo articolo

Cantiere Obraz: un progetto di formazione per Ciuchi Mannari

Il Respiro del pubblico: la collaborazione con Gufetto Magazine

Il Festival teatrale Il Respiro del pubblico

Il Respiro del pubblico Festival: informazioni e programma

 

Cantiere Obraz: un progetto di formazione per Ciuchi Mannari

Durante l’emergenza sanitaria il mondo della cultura – come ben sappiamo – ha subito una forte battuta di arresto; i soggetti ‘depredati’ non sono stati solo gli attori, i teatri, i professionisti del settore, ma anche il pubblico, spesso dimenticato come elemento indispensabile per l’animazione culturale. L’idea che avvicina molto Cantiere Obraz a Gufetto Magazine è stata quella di mettere al centro il pubblico, a cui permettere simbolicamente di respirare di nuovo l’aria del teatro, l’emozione del palco.

Ed è stato proprio così. Quando con Sandra Balsimelli, Alice Capozza, Leonardo Favilli, redattori di Gufetto Firenze, e Antonio Mazzuca, editore della testata giornalistica nazionale, siamo entrati nel Teatro di Cestello, abbiamo finalmente ‘respirato’ dopo molti mesi di apnea.

La scuola di critica teatrale – oltre a Gufetto, coinvolti altri importanti nomi del panorama nazionale: Renzo Francabandera, Michela Mastroianni e Matteo Brighenti di Pac e Histryo, oltre a Gabriele Rizza de Il Manifesto ed Il Tirreno – ha lo scopo di rendere chi guarda attivo e consapevole della visione teatrale, in un rapporto di scambio vitale fra attore e spettatore.

Il Respiro del pubblico: la collaborazione con Gufetto Magazine

Due gli incontri a cura di Gufetto Magazine con il gruppo di visione – che va sotto il nome di Ciuchi Mannari – composto da ragazzi dai 15 ai 25 anni che seguono un percorso di studio e conoscenza della critica teatrale. Abbiamo giocato insieme sulle assi consumate del palco in Piazza di Cestello, nel suggestivo quartiere di Oltrarno, alla scoperta degli elementi essenziali del teatro: uno spazio, un attore, uno spettatore.

« Eliminando gradualmente tutto ciò che è superfluo, scopriamo che il teatro può esistere senza trucco, costumi e scenografie appositi, senza uno spazio scenico separato (il palcoscenico), senza gli effetti di luce e suono, etc. Ma non può esistere senza la relazione con lo spettatore in una comunione percettiva, diretta.» (Jerzy Grotowski, Per un Teatro Povero).

Gufetto Magazine non è nuovo a questo approccio, attraverso le esperienze di Gufetto Scuola degli anni passati, in collaborazione con Istituto Peano di Firenze, la scuola di recitazione Il Genio della Lampada, Murmuris e i teatri dell’area fiorentina e pratese(Teatro Cantiere Florida, Teatro di Rifredi, Teatro Metastasio) abbiamo realizzato i laboratori di critica teatrale proponendo in maniera giocosa e interattiva, domande apparentemente semplici ma, in realtà, molto complesse e scivolose, se si pensa a quanto la nostra società sia sempre di più immersa nella dimensione dell’immagine. Cosa guarda uno spettatore? Cosa rende “bello” o “brutto” uno spettacolo? Quali elementi contribuiscono a creare l’atmosfera e a traghettare le emozioni e il messaggio insito nell’opera? E come scrivere di teatro? Cos’è una recensione?

Queste le domande a cui i ragazzi verranno aiutati a rispondere per redigere in seguito le recensioni degli spettacoli del Festival che verranno pubblicate su Gufetto in questa sezione.

Il Festival teatrale “Il Respiro del pubblico”

Il progetto di Cantiere Obraz prosegue infatti con un vero e proprio Festival Teatrale con sette appuntamenti dal 18 novembre al 5 dicembre; sette spettacoli che, per loro natura, mettono lo spettatore in una posizione inedita e che si svolgeranno presso il Teatro di Cestello e in altri luoghi anche non convenzionali dell'Oltrarno. Questa sarà l’occasione per il gruppo di giovani di mettersi alla prova nella visione e di portare a frutto quanto appreso attraverso la scrittura di recensioni, sotto la guida e il consiglio della redazione fiorentina di Gufetto.

Il Festival si apre con il debutto in prima nazionale de IL CAPPOTTO produzione della stessa compagnia Cantiere Obraz con la regia di Alessio Bergamo e il gruppo di attori che abbiamo già conosciuto in APPUNTI DI UN PAZZO al Teatro Studio di Scandicci e recensito su Gufetto. Lo spettacolo è in programma nell’ambito de Il Sole d’inverno – Rassegna teatrale a cura di Teatro Solare al Teatro Circolo Arci Caldine di Fiesole dal 18 al 21 novembre. Il Festival prosegue con interessanti drammaturgie che vedono protagoniste realtà del territorio fiorentino come Gogmagog con SCHERZO, MA NON TROPPO; Teatro dell’Elce con la performance sensoriale SALONE DI Z***; il delizioso EVERY BRILLIANT THING con Daniela D’Argenti Donati. Ospiti d’onore del festival la compagnia Teatro dei Borgia – La città dei miti e i suoi spettazoli FILOTTETE DIMENTICATO e MEDEA PER STRADA con Elena Cotugno, che nel 2021 ha ricevuto il prestigioso Premio Le Maschere del Teatro come migliore attore/attrice emergente.

Informazioni e programma

IL RESPIRO DEL PUBBLICO FESTIVAL

Ideazione e organizzazione Alessandra Comanducci e Paolo Ciotti. Assistenza al progetto Michela Cioni e Antonella Longhitano

Grafica Thomas Harris. Comunicazione Camilla Pieri. Ufficio Stampa Fabrizio Calabrese.

Realizzato grazie al contributo di Fondazione CR Firenze. In collaborazione con Teatro di Cestello, Ciuchi Mannari – Gruppo di Visione, Circolo Arci dell’Età Libera, Associazione Progetto Arcobaleno Onlus

IL CAPPOTTO

Prima Nazionale

da N.V. Gogol

Con Angelica Azzellini, Alessandra Comanducci , Domenico Cucinotta, Massimiliano Cutrera, Erik Haglund, Stefano Parigi

Regia di Alessio Bergamo

Produzione Cantiere Obraz/ Teatro dell’Elce in collaborazione con Postop Teatro

Con il sostegno di REGIONE TOSCANA – CENTRO DI RESIDENZA DELLA TOSCANA (Armunia Castiglioncello – Capotrave/Kilowatt Sansepolcro) – CATALYST nell’ambito del progetto “Residenze” Art. 43 – Mic e Regione ToscanaVERA STASI Tuscania “ Danza/Progetti per la scena 2020” – TEATRO DI CESTELLO Firenze

Circolo ARCI Casa del Popolo Caldine, Fiesole

Dal 18 al 21 novembre alle 20.30 (il 21/11-16.30)

 

EVERY BRILLIANT THING

di Duncan Macmillan

con Daniela D’Argenio Donati

Regia e traduzione di Michele Panella

Produzione Triboo in collaborazione con Sotterraneo

Testo vincitore del 1° Premio EURODRAM "Migliore Traduzione" 2017

Teatro di Cestello, Firenze

26 novembre alle 20.45

 

SCHERZO, MA NON TROPPO

di Virginio Liberti, con Carlo Salvador

Regia Tommaso Taddei

Produzione: GOGMAGOG, con la collaborazione di FESTIVAL INTERNAZIONALE TEATRO AZIONE (San Casciano), INEQUILIBRIO FESTIVAL (Castiglioncello) e con il sostegno di Regione Toscana-Sistema Regionale dello spettacolo

Teatro di Cestello, Firenze

27 novembre alle 20.45

 

IL SALONE DI Z***

Performance sensoriale

di e con Roberto Caccavo, Marco Di Costanzo, Stefano Parigi

Produzione Teatro dell’Elce

Teatro di Cestello, Firenze

28 novembre alle 16.30

 

AZIONE ARTISTICA PER SPETTATORE SOLO

Ideazione Cantiere Obraz

con Michela Cioni, Paolo Ciotti e Thomas Harris

Produzione Cantiere Obraz

Oltrarno, Firenze

3 dicembre dalle 18.30 alle 21.00

 

MEDEA PER STRADA

Drammaturgia Fabrizio Sinisi ed Elena Cotugno

con Elena Cotugno

Regia di Gianpiero Borgia

Produzione Teatro dei Borgia – La città dei miti

Progetto Arcobaleno, Via del Leone 9, Firenze

4 dicembre (replica il 5) alle 18.30

 

FILOTTETE DIMENTICATO

Da Sofocle

Drammaturgia Fabrizio Sinisi

con Daniele Nuccetelli

Regia di Gianpiero Borgia

Produzione Teatro dei Borgia – La città dei miti

Circolo Età Libera – ex Gasometro Via dell’Anconella 3, Firenze

4 dicembre (replica il 5), alle 20.45

 

SERATA CONCLUSIVA

Teatro di Cestello, Piazza di Cestello 3/4, Firenze

20 dicembre 2021 h 19.30

 

Prenotazione obbligatoria al 3281445127 / info@cantiereobraz.it.

Link web per informazioni e prenotazioni

image_pdfSCARICA QUESTO ARTICOLO IN FORMATO PDF